Salta al contenuto principale

Talk cattolico e eucarestia in diretta: e le altre religioni?

Alt text
UnknownLa graziosa conduttrice interrompe il prete che sta spiegando il concetto di "salute integrale della persona" per annunciare l'inizio dell'Angelus papale. Ed ecco Francesco affacciarsi alla finestra e parlare, in occasione della Giornata Mondiale del Malato,  delle guarigioni attraverso cui Gesù mostrava che il regno di Dio è vicino; della predilezione, sempre del Figlio di Dio, per i feriti nel corpo e dello spirito, dell'assistenza agli infermi come parte fondamentale della missione della Chiesa perché "accogliere un malato è servire Cristo", infine dell'invito a curare le sofferenze come fa la Chiesa, cioè con umanità e con la tenerezza di una madre. Un messaggio potente valido solo per chi crede? No, perché quello del papa è rivolto al mondo intero, ma a partire da una provenienza ben chiara e incancellabile: il cattolicesimo. Diventa problematico, allora, tradurlo in un messaggio sociale valido per tutti, quasi fosse un buon senso etico che nessuno può evitare di condividere e mandarlo in onda sul servizio pubblico. È quello che invece fa da noi una specie televisiva impossibile altrove, quella del talk show social-cattolico, come a A sua immagine, condotto da Lorena Bianchetti il sabato pomeriggio e la domenica mattina. Qui le parole del papa vengono, appunto, laicizzate, nel senso che sono date come ovvie per tutti, cattolici e non. Aiuta nell'operazione sia un certo annacquamento dei concetti, come quando il co-conduttore Paolo Balduzzi riassume una riflessione sulla paternità del papa - in cui Francesco parla, con parole pesanti, dell'importanza di "proteggere senza soffocare" - con il rassicurante slogan "quanto è bello essere papà".  Sia la sociologizzazione dei contenuti evangelici, di cui si può discutere allora come se fossimo a Mi manda RaiTre. Il papa parla della sapienza del cuore? Ecco il servizio sull'assistenza cardiologica per i non abbienti. Il papa dice che la qualità della vita è una menzogna e che non c'è vita, anche se gravemente malata, non degna di essere vissuta? Ecco l'esperto che chiarisce che in realtà dal punto di vista sanitario proteggere i deboli è alla fine un vantaggio economico, mentre la conduttrice spiega che ci vuole una rivoluzione culturale e che bisogna smettere di promuovere modelli alla "wonder women e big jim". Ma il problema, appunto, è far passare contenuti cattolici come universali, in un contesto che dovrebbe essere plurale e laico. Così, in una confusione completa, e liquidando secoli di umanesimo in una battuta, la Bianchetti sostiene che tra l'uomo vitruviano di Leonardo e il crocifisso "è chiaro che l'essere umano si identifica di più con il crocifisso perché nessuno di noi è perfetto". Insomma: neanche la potenza di Francesco cancella l'anomalia di un servizio pubblico che la domenica manda in onda - pur tentando di introdurla con un mini-documentario sulle tradizioni pastorali e agresti del luogo del modenese dove si celebra la messa - l'intera Eucarestia della domenica. Come se fosse ovvio, normale, scontato. Non ci resta che sperare che un cattolico democratico al Colle ricordi alla Rai che anche l’ordinamento italiano si fonda - incredibile, vero? - sulla separazione tra Stato e Chiesa.   Pubblicato sul Fatto di martedì 9 febbraio 2015.

Restricted HTML

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
CAPTCHA
Controllo AntiSPAM