Salta al contenuto principale

Cambiamento climatico, i palinsesti che vorrei

verde

C’è qualcosa di nuovo nei palinsesti tv quest’estate. Complice, forse, il caldo torrido, i conduttori hanno deciso che l’emergenza climatica era così importante da continuare i propri talk show parlando, soprattutto, di ambiente e riscaldamento globale. Sintonizzarsi sulla Rai ha dell’incredibile: invece delle stanche notizie di cronaca nera, invece dei soliti battibecchi su Salvini e Di Maio, gli inviati, spediti in Groenlandia ma anche in Africa, raccontano le conseguenze del riscaldamento globale. Su LA7, invece, i talk show hanno mutato volto: Floris ha mollato per un po’ tasse, pensioni e mutui per invitare invece scienziati che il clima lo studiano da decenni (inascoltati), mentre partono servizi sulle aziende green che stanno cercando soluzioni al problema delle emissioni. Gli autori della Gruber, poi, devono essere impazziti, perché la conduttrice dalla chioma rossa fa domande a tappeto ai politici in studio, incalzandoli su come potremmo evitare la catastrofe climatica, su quali zone sono a rischio desertificazione, su quanta acqua abbiamo ancora a disposizione.  E persino Zoro ha deciso di dedicare un piccolo spazio all’ambiente, chiamato “Propaganda green”, per parlare con tono più leggero di notizie ambientali e ridere su Twitter dell’incredibile ignoranza dei politici sul tema del riscaldamento globale. A intervallare i talk show ci sono poi documentari che  di alimentazione, turismo sostenibile e delle tecnologie che forse potranno salvarci. E poi, perché un po’ leggerezza ci vuole, programmi di gossip, tipo La vita in direttama in versione verde, dove si discute dei vip più ecologici e dei più spreconi e di come essere felici con una vita a emissioni contenute. Tutto bellissimo se non fosse, appunto, un sogno. Perché la cupa realtà è che si tornerà a parlare di Di Maio e Salvini tutto l’anno. Eppure sarebbe così facile. E così rivoluzionario.  

(Ilfattoquotidiano)

Categorie

Restricted HTML

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
CAPTCHA
Controllo AntiSPAM